Salta al contenuto Salta al Footer
ORARI DI APERTURA DAL 1 MARZO AL 3 NOVEMBRE: 9-19.
ORARI DI APERTURA DAL 1 MARZO AL 3 NOVEMBRE: 9-19.

Il più grande palazzo gotico

Giovanni XXII primo papa costruttore 1316-1334

Investe la residenza episcopale, che confina con la cattedrale e la trasforma in residenza pontificia. Nelle vicinanze fece erigere un'aula di tribunale, i cui resti nel cortile d'onore sono gli unici testimoni. L'attuale Palazzo dei Papi è principalmente opera dei due pontefici succeduti a Giovanni XII: Benedetto XII e Clemente VI. Costruiranno il più grande palazzo gotico in quasi vent'anni.

Benedetto XII creazione di un palazzo papale 1335-1342

Benedetto XII, affidò la gestione del sito al suo connazionale della contea di Foix, l'architetto Pierre Poisson. Possentemente adagiato sulla roccia, l'edificio riprende l'organizzazione del palazzo di Giovanni XXII. Dominando la città con le sue alte mura, come una prigione, la Tour du Pape è l'elemento principale del progetto. È il cuore degli appartamenti papali, e protegge la sacra persona del papa e le ricchezze della Chiesa. È collegato agli edifici della corte da due corpi di appartamenti privati.

Nella loro estensione si trovano l'ala del concistoro affiancata dalla torre delle cappelle, così come le torri di Trouillas, le cucine e le latrine. I giardini sono disposti sotto. Le ali del Concistoro, delle Ostie, dei Familiari e della Cappella, formano un quadrilatero che racchiude un cortile. Benedetto XII fece riccamente decorare il suo palazzo con mobili, paramenti e pitture murali.

Clemente VI le nuove estensioni (opus novum) 1342-1352

Dall'inizio del suo pontificato, Clemente VI completò la Tour de Trouillas, aggiunse una nuova torre della cucina e fece costruire la Tour de la Garde-Robe, adiacente alla Tour du Pape. Successivamente, l'architetto Jean de Louvres, originario dell'Ile-de-France, acquisì lo status di project manager e sovrintese all'intera organizzazione del cantiere per i nuovi ampliamenti, che mobiliterebbero una media di 600 uomini in un contesto comunque travagliato da la guerra dei cent'anni e la peste nera.

Per cominciare, Jean de Louvres fece distruggere il quartiere limitrofo e realizzò la sua opera più importante e spettacolare: la costruzione della Grande Udienza, che fu presto sormontata dalla Grande Chapelle, fiancheggiata dalla Grand Promenade. L'architetto ha poi realizzato l'ala dei Grandi Dignitari che si chiude su uno spazio semipubblico e crea così la Cour d'Honneur.

Con Clemente VI entra a palazzo l'eleganza gotica. Le volte a vela abbondano; sculture, nervature, modanature adornano la pietra. Attirò alla sua corte i più grandi intellettuali e artisti dell'epoca, come il pittore Mattéo Giovannetti, e fece di Avignone un melting pot culturale e un fulcro degli scambi europei. Ingrandisce il suo palazzo con l'attenzione e la scala che dà alle decorazioni (affreschi, vetrate, oreficeria, mobili, tendaggi, ecc.).

Quando morì, la maggior parte degli edifici furono costruiti. Nei decenni successivi, lavori di completamento e allestimenti di comfort furono intrapresi da Innocenzo VI (torre Saint Laurent e La Gâche, galleria del conclave, ecc.) e Urbain V (giardino e Roma).

Dopo il ritorno del papato a Roma

All'inizio del XV secolo, alla fine del Grande Scisma dopo i regni di Clemente VII e Benedetto XIII, il palazzo divenne residenza di legati e poi di vicelegati, fino alla Rivoluzione. Fu poi trasformato in caserma fino all'apertura al pubblico all'inizio del 'XNUMX.

Chiusura anticipata il 19 giugno

A causa del passaggio della Fiamma Olimpica il 19 giugno ad Avignone, il monumento chiuderà alle 18 (le biglietterie chiudono alle 17). Grazie per la vostra comprensione.

Per saperne di più
Bem-vindo
Prenota
Visita
Diaro
Fare un dono
×